domenica 14 gennaio 2018

Corruzione: per contrastarla serve sempre e solo l’iniziativa penale. Poche e spuntate le armi amministrative


I giornali in questi giorni hanno informato dell’inchiesta del programma Petrolio, che fa vedere in presa diretta due atti di concussione in ambito ospedaliero a Padova.
Si tratta della ben conosciuta tecnica del sovraffollamento delle liste d’attesa delle prestazioni pubbliche o “intramoenia”, utilissime per far effettuare gli esami e le prestazioni in ambito privato, con lauto pagamento (anche in nero) extra moenia, cioè nelle cliniche private; o per proporre il “salto” della lista d’attesa ad un costo pari a circa un terzo della prestazione a costo pieno, se fosse resa in ambito privato.

Disoccupazione, scoperta la causa: sono i giovani che “non vogliono lavorare”


Con periodicità circa bisettimanale, sulla stampa si pubblicano articoli che rilanciano grida disperate di allarme degli imprenditori che non riescono a trovare le figure professionali che, pure, si dicono pronti ad assumere a qualsiasi costo e condizione. Articoli, spesso, corroborati da dati e numeri delle associazioni di categoria e delle camere di commercio, a conferma del “mismatch” tra domanda e offerta di lavoro.
Il 14 gennaio 2018 è toccato al Corriere della sera pubblicare un articolo della serie, a firma di Dario di Vico, dal titolo che già dice tutto: “Il paradosso del lavoro che c`è Mancano i profili più richiesti Dai tecnici specializzati agli addetti al turismo Quando il lavoro c`è, mancano i profili giusti”.

sabato 13 gennaio 2018

L’evergreen del dubbio sulla possibilità di stabilizzare articoli 110 e 90


Per quanto le norme o la loro interpretazioni giurisprudenziale e tecnica possano risultare chiare, le stabilizzazioni porteranno dietro di sé sempre la domanda: è possibile stabilizzare un dipendente incaricato ai sensi dell’articolo 110 del d.lgs 267/2000?

giovedì 11 gennaio 2018

Caso Marino: come era previsto, si trattava di una bolla di sapone

Le motivazioni della sentenza di assoluzione di Ignazio Marino, per quanto da accogliere lietamente per la persona, non possono che portare a considerazioni estremamente amare.

Lavoro: le rilevazioni Istat non indicano un milione di "posti" in più, ma un milione di "contratti"

Dovrebbe essere chiaro a tutti, ormai, che il Jobs Act, inteso come complesso delle regole giuridiche di riforma del mercato del lavoro, è stato sostanzialmente ininfluente sul flusso di nuovi contratti di lavoro.

Printfriendly